counter

3
Giu

Il punto zero della consapevolezza

awareOgnuno di noi vive in “diverse scarpe”: oggi indossiamo quelle di figlio o figlia, domani quelle di adulto e adulta, poi quelle di manager, professionista, marito o moglie, collega, e così via.

Ogni “scarpa” lascia una propria impronta e di cosa sia fatta quell’impronta dipende molto da noi.
Proviamo a vedere ogni scarpa come un luogo o spazio vitale che ci caratterizza; pensiamo, a esempio, a un nome casuale, Davide e al suo ruolo di figlio, marito, collega, compagno, marito: ciò che riamane fisso è Davide, individuato in un punto zero centrale, attorno al quale si snodano

Diapositiva1

i vari “luoghi” in cui egli abita nella sua quotidiana esistenza. Dove si trova Davide nella sua autenticità? Quanto è in contatto con la consapevolezza di essere all’interno di un ruolo o dell’altro, convinto di essere tutto quel ruolo o l’altro? Ovvero: essere nello spazio di “figlio” porta con sé dinamiche emotive, cognitive, sensoriali, immaginative diverse dall’essere nello spazio di “compagno”. Se invece rimango nel mio essere “figlio” anche nello stato di “compagno”, cosa accade?
E’ molto importante prendere consapevolezza di dover fare ritorno a un “proprio punto zero” in cui torniamo presenti a noi stessi, distinguendo ciò che si muove in noi, schemi, automatismi, immagini che forse, se poniamo attenzione, non fanno altro che trascinarsi da un ruolo o da uno spazio all’altro, nutrendo le nostre inquietudini e impedendoci di essere “veri” nelle singole relazioni che costruiamo.

Non è facile, per nulla, ma in un percorso di coaching o counseling rivolto all’auto-conoscenza diventa più chiaro il passaggio da una identificazione settoriale a un ritrovamento di una propria area di libera percezione di sé.

Prova a disegnare un fiore; al centro scrivi il tuo nome e ai lati, all’interno dei petali, scrivi i vari spazi che costellano la tua vita, dal lavoro, alla relazione affettiva, a quella amicale, a quella genitoriale, ecc., e prova a “osservarti” e a scrivere “come ti vedi?”.

E’ un esercizio interessante, che ti porta a sperimentare per un po’ il senso dell’essere “al centro” di un punto zero da cui riprendere fiato, fare benzina, per ripartire, con un motore più snello e disinquinato da molte increspature.

 “Una volta accettata la consapevolezza che anche fra gli esseri più vicini continuano a esistere distanze infinite, si può evolvere una meravigliosa vita, fianco a fianco, se quegli esseri riescono ad amare questa distanza fra loro, che rende possibile a ciascuno dei due di vedere l’altro, nella sua interezza, stagliato contro il cielo”.
(Rainer Maria Rilke)

 

Download PDF