27
Apr

Tra pazienza e virtù, l’attesa si fa dura

 

Ogni potere umano è composto di tempo e di pazienza.
-Honoré de Balzac-

 

 

Eh esiste una parola molto poco gettonata eppure così efficace in certe situazioni: pazienza, e aggiungo, controllata.

Ci viene chiesto di avere pazienza, di posticipare baldorie, di posticipare di nuovo la vita di ogni giorno, di sperare che non accada nulla a qualche “congiunto”, per questo cercheremo di tutelarlo, se è diversamente giovane. Pazienza, quindi.

L’ironia aiuta, è uno schermo reattivo che camuffa una protesta, un “ma è giusto?”. In fondo è la chiarezza quella che manca, mica siamo dei criminali che vogliamo fare ciò che vogliamo sbattendocene di chi è in preda al panico o, peggio, di chi muore o è positivo! No, no.

Pazienza. Andiamo avanti. È dalle battaglie che si forgiano i cavalieri. Sì, ma pensiamo a quelli che non reggono, a coloro che non vedono vie d’uscita e se la cercano da soli. C’è chi muore per il virus e chi per non sentirsi vivo, ora. Restrizioni sì, ma Cum Grano Salis, come dicono i Grandi. Le emergenze sono anche molte altre…

© 2020 Maria Cristina Caccia.
Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini non autorizzata.