24
Giu

“Il vostro successo, la nostra forza”. Parla Alessandro Summa di MT Distribution dal cuore della Motor Valley italiana

È una storia di passione quella che ha dato vita a MT Distribution, di Calderara di Reno, in provincia di Bologna. Alessandro Summa, Direttore Generale del Gruppo, dirige oggi un’affermata realtà nel settore della mobilità elettrica, avendo assunto la guida di un progetto aziendale che non ha mai smesso di evolvere dal 1977.
In quell’anno prese avvio l’azienda in qualità di distributrice di musica e video inizialmente per negozi specializzati, successivamente per tutto il panorama della grande distribuzione organizzata. Nel 2013 è arrivata la scelta di diversificare il business, aprendosi alla mobilità elettrica urbana ed è della Divisione E-Mobility che parleremo in questa breve intervista con Alessandro Summa, poiché, in periodo pandemico, si è letteralmente inaugurata l’era del monopattino elettrico e della e-bike. Grandi aspettative per il futuro, partnership strategiche con brand d’eccellenza dell’automotive nazionale e un importante know-how di ingegnerizzazione e produzione sono alcune delle tante hard skills che collocano MT Distribution al centro di una storia che guarda al futuro con estremo ottimismo.

Alessandro Summa, Direttore Generale di MT Distribution

Oltre quarant’anni di evoluzione continua: da distributore di home entertainment alla diversificazione del business. Come nasce Mt Distribution?
Partiamo dal nome. MT è un acronimo e sta per “Music Time”. I primissimi fondatori girarono, tra gli anni ’60 e ’70, con il furgone tra l’Emilia Romagna e il Veneto, tentando la vendita diretta, con l’obiettivo di far arrivare la musica a più persone possibili. Erano tempi in cui si ascoltavano i vinili, oggetti che per noi, oggi, nell’era di Spotify e Netflix sembrano preistoria.
E le melodie erano la colonna sonora de “Il tempo delle mele” o, in seguito, di “Back in black” degli AC/DC”. L’azienda poi, nel tempo, si è evoluta, passando dalla distribuzione classica alla GDO con l’avvento dei centri commerciali che, in pochissimo tempo, hanno soppiantato i piccoli negozianti.
In seguito, abbiamo implementato i servizi per la grande distribuzione e strutturato più divisioni. Ne contiamo tre: MT Servizi, MT Franchising e MT E-Mobility, quest’ultima è quella che guida il Gruppo e che ha avuto un trend di crescita costante.

L’obiettivo a breve termine rispetto alla divisione MT E-mobility?
Espanderci a livello europeo e mondiale. Abbiamo stretto deal con brand illustri della nostra zona, il cuore della Motor Valley italiana, e non solo, parliamo di Ducati, Lamborghini, Aprilia, VR|46 e altri importanti player del settore automotive. Le connessioni attivate con questi grandi Gruppi supportano l’idea di co-creare mezzi per la mobilità elettrica, come monopattini o e-bike ed esportarli nel mondo. Siamo riconosciuti come Hub di servizi, distribuzione, progettazione, ingegnerizzazione e la nostra è una vocazione tutta Italian Style. Collaboriamo con il centro style di Giugiaro e Pininfarina, con cui abbiamo creato un brand, “Argento, by Pininfarina”.

Come vede il fenomeno della mobilità elettrica post Covid anche in termini di sostenibilità?
Nell’agenda europea erano stati previsti investimenti sulla green economy e, da questo punto di vista, la pandemia ha funto da acceleratore delle vendite della micromobilità elettrica ovvero di monopattini e bici ripiegabili. Un’importante spinta è arrivata anche dal versante legislativo: da marzo 2020 per l’utilizzo del monopattino elettrico, infatti, è stato predisposto un contributo. Per chi lo usa a livello quotidiano in centri urbani come Bologna, Milano, Roma è una panacea, così come lo sono la bici elettrica e anche la bici classica, che è stata enormemente rivalutata in questo periodo di “chiusure e restrizioni”.

“Il vostro successo, la nostra forza”, da dove nasce questo slogan?
Nasciamo dal mondo dei servizi, pertanto il nostro mindset guarda al principio secondo cui “se ti do un buon servizio, tu sei contento e mi fai contento”: un modello win win in cui abbiamo sempre creduto molto e in cui continueremo a investire.

Sulla vostra Carta Etica avete dato spazio al principio della “valorizzazione delle persone”. MT Distribution come onora questo valore?
Siamo nati come una piccola realtà e, se penso a quando ho iniziato, 25 anni fa, eravamo in pochissimi. Lavoravamo tutti i giorni, sabato e domenica compresi. Il rispetto del collega era alla base del nostro percorso. Siamo cresciuti con una mentalità collaborativa. Diventata “adulta”, l’azienda ora conta diverse decine di dipendenti e, nonostante il numero sia aumentato, non abbiamo mai perso il valore della reciprocità e della centralità della Persona, convinti che il capitale umano sia il primo asset su cui fondare qualsiasi progettualità.

MT Distribution parla il linguaggio dell’innovazione, in che modo?
L’innovazione è nel nostro DNA. I nostri interlocutori sono clienti importanti a livello internazionale che richiedono nuove tecnologie e apprezzano il nostro modo di porci in ottica win win. Il Far East e la Cina sono punti di riferimento per il new tech da cui ci siamo sempre fatti ispirare, costruendo una brand reputation basata proprio su un elevato standing innovativo, suggellato dalla Business Unit interna dedicata. In tempi non sospetti, più di sette anni fa, avevo intuito le potenzialità della mobilità elettrica che, ora, sta diventando un asset imprescindibile su cui investire per il futuro di un mondo che sta cambiando abitudini.

Qual è il futuro di MT Distribution?
Alla vigilia dei nostri 45 anni di storia, ci vediamo un po’ come la Luxottica della mobilità elettrica. Siamo una hub della mobilità elettrica per tutti quelli che vogliono approcciare questo settore che disegnerà il nostro futuro, per costruire partnership, affrontare la ricerca ed esportare tecnologia a livello mondiale. Per noi è una Vision ma anche una Mission molto concreta.

Mobilità elettrica e le giovani generazioni, un binomio propulsivo?
Quelle ci sono, ma tant’è, il mondo sta andando in questa direzione. Credo dovremmo essere uniti in un progresso che è inarrestabile. I giovani sono drivers in questo senso e li ritengo una forza della natura. Sono molto più green loro di quanto possiamo immaginare e, per questo, hanno un enorme potenziale racchiuso nella loro volontà di cambiare questo mondo: ci stanno dando e ci daranno una grande mano.

Tre parole chiave per descrivere l’azienda.
Innovazione, tenacia e serietà.

Se la vostra azienda fosse un libro, quale titolo dareste?
Independence Day.

MT e la Corporate Social Responsibility …
Investiamo da sempre in società sportive, come, ad esempio, in team di pallavolo e basket locali e, altresì, in piccole attività locali della zona, perché ci piace ricondividere i successi con il nostro territorio, che ci sta dando tanto e che riteniamo giusto ringraziare, restituendo valore e riconoscenza.

 

 

© 2021 Maria Cristina Caccia.
Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini non autorizzata.